Metabolismo: normale e alterato

Metabolismo o, come viene chiamato, il metabolismo principale svolge un ruolo enorme nella vita del corpo umano. In realtà, grazie a lui, ciò che una persona ha mangiato viene ridistribuito in energia per sostenere la vita nel suo corpo. E dallo squilibrio tra l'energia ricevuta e consumata, nasce il "flagello del XXI secolo": l'obesità.

Cos'è il metabolismo

Scientificamente parlando, il metabolismo è una catena di trasformazioni chimiche dei nutrienti dalla nostra dieta dal momento in cui entrano nello stomaco fino al momento in cui vengono rilasciati dal corpo. In questo caso, il metabolismo è diviso in due processi interconnessi che si verificano simultaneamente e continuamente.

anabolismo- il processo di creazione di elementi chimici più complessi da una serie di semplici sostanze organiche. Per questo processo, il corpo spende parte della sua energia.

catabolismo - il processo di scissione della materia organica con il rilascio di energia pura e prodotti di decadimento, che dovrebbero essere rimossi dal corpo.

Pertanto, l'energia rilasciata durante il catabolismo copre ripetutamente l'energia spesa per i processi anabolici. Ha solo bisogno di un uomo per vivere.Il calcolo dell'energia necessaria a una persona viene effettuato come segue: il suo consumo minimo viene preso in considerazione in uno stato di completo riposo con l'esclusione di tutte le influenze interne ed esterne entro 12 ore dopo aver mangiato. Questo è il nostro minimo Basta respirare e sostenere il lavoro di tutti gli organi interni. Ma in realtà, una persona ha bisogno di molta più energia, perché si muove e la tensione muscolare consuma molta più energia di tutti gli organi e sistemi combinati. C'è anche una designazione della nostra energia - è kilocalorie (kcal) o kilojoule (kJ).

Cosa determina il metabolismo

Il metabolismo basale di un adulto è di circa 1 kcal per 1 kg di peso corporeo per 1 ora. Processi metabolici continui che si verificano in tutte le cellule di tutti i tessuti del corpo umano, procedono più lentamente o più intensamente a seconda di quale organo e in quale tessuto si verifica. Ad esempio, lo scambio più intenso si verifica nel tessuto della materia grigia del cervello, dei muscoli e degli organi del tratto gastrointestinale, ma il più lento di tutti - nella massa ossea e nelle cellule adipose. Pertanto, le persone con muscoli ben sviluppati necessitano di molta più energia (del 10-15%),rispetto ai "ciccioni".

Gli indicatori dell'intensità dei processi metabolici possono anche variare per altri motivi.

  • A seconda dell'età, dell'altezza e del peso corporeo, sesso, salute di tutti gli organi. Per le donne, ad esempio, lo scambio è più lento rispetto agli uomini di circa il 5-6%, perché hanno meno massa muscolare e più tessuto adiposo. Ad esempio, una donna che pesa 60 kg ha bisogno di meno energia di un uomo dello stesso peso.
  • Dalla nutrizione e dall'intensità dello sforzo fisico,
  • Da influenze esterne sul corpo (clima, ecc.).
  • Dalla presenza o dall'assenza di carichi nervosi.
  • Dalla salute e dal lavoro delle ghiandole endocrine.
  • Dipende se una persona è sana o malata (per esempio, la febbre richiede molta energia).
  • Colpisce il metabolismo e l'età - in media, rallenta del 7-10% per ogni 10 anni di vita, che è associato a una diminuzione dell'attività del corpo nel suo complesso, a partire dai processi cellulari e termina con il lavoro di tutti gli organi, nonché una diminuzione della massa muscolare.

Metabolismo e sovrappeso

Come abbiamo già detto, i processi metabolici nel tessuto adiposo procedono lentamente - la loro velocità è 3 volte inferiore alla velocità nel tessuto muscolare. Ciò significa che un grammo del nostro grasso consuma circa il 30% in meno di energia rispetto a un grammo del cosiddetto."Massa magra" del corpo (muscoli, tutti gli organi, cervello e tessuto nervoso, ossa e tutti i fluidi). Pertanto, le persone che soffrono di obesità hanno bisogno di meno energia, e l'intero incidente è che questi ultimi mangiano più del necessario, ma si muovono meno, il che in definitiva contribuisce al posticipo ulteriore del tessuto adiposo. Il fatto è che le calorie in eccesso da qualsiasi tipo di cibo, siano grassi, carboidrati, proteine ​​o alcol, portano al rinvio delle riserve di grasso.

  • Il grasso stesso "funziona" più velocemente di chiunque altro in questa direzione, entra quasi immediatamente nel nostro strato grasso.
  • I carboidrati sono suddivisi in cosiddetti. zuccheri semplici, e entrano nei tessuti per colmare il deficit energetico. Se non c'è tale carenza, allora sono anche depositati in riserva, trasformati in glicogeno e da esso in grasso.
  • Con le proteine, le cose sono un po 'più complicate. Si dividono in amminoacidi coinvolti nella formazione e nel rinnovo dei tessuti. La proteina in eccesso viene convertita in glucosio e il suo eccesso (nel caso di non reclamato) di nuovo nel grasso. Quindi, il cibo che è così necessario per una persona, come il cibo proteico, in caso di consumo eccessivo può darci un pessimo servizio.
  • Se beviamo alcolici, le sue calorie vengono consumate come fonte di energia. Nel frattempo, tutto il cibo mangiato in un giorno darà le sue calorie come inutili ... correttamente, di nuovo a grasso!

Quindi, il tessuto adiposo è il "deposito" in cui è depositata tutta la nostra energia non utilizzata, e questo "deposito" non è affatto passivo. È un organo endocrinologico attivo che secerne l'ormone leptina. A sua volta colpisce anche l'accumulo di grasso nel corpo, così come il lavoro dell'intero sistema endocrino. Inosservati dagli esseri umani, i processi metabolici sono disturbati e il livello di produzione di ormoni che accumulano grassi, ad esempio l'insulina, aumenta. L'obesità sta progredendo e l'obesità più pericolosa è più spesso progredita. addominale, quando il grasso si deposita non tanto sotto la pelle, tanto nella cavità addominale, "aggrappandosi" agli organi e interferendo con il loro lavoro. Se il girovita supera gli 80 cm nelle donne e 94 cm negli uomini, significa che l'obesità di questo tipo è già presente, il metabolismo si riduce e il rischio di ulteriori disturbi metabolici è alto, il che porta, se non a prendere misure, allo sviluppo dei cosiddetti. sindrome metabolica.

Va ricordato che tutti i cambiamenti metabolici iniziano con l'obesità. Ecco perché i medici lo combattono così ferocemente. E se vedi che il tuo peso e il girovita sono più che normali, non ritardare, prenditi cura di te stesso.

Come aumentare il metabolismo e ridurre l'eccesso di peso

Come viene determinata la sindrome metabolica?La presenza di una combinazione di obesità e due dei seguenti fattori:
  • aumento della pressione superiore a 130/85;
  • aumento dei livelli ematici di trigliceridi superiori a 1,7 mmol (aterosclerosi)
  • una diminuzione dei livelli di lipoproteine ​​ad alta densità (buon colesterolo che protegge i vasi sanguigni dalle placche aterosclerotiche) di più di 1 mmol / l negli uomini e 1,2 mmol / l nelle donne
  • l'aumento dei livelli di zucchero nel sangue (con diabete non può essere, ma può verificarsi) più di 5,6 mmol / l.
  • Limitare la nutrizione ad alta intensità energetica, in particolare i grassi e i carboidrati semplici. Lasciare cibi a basso contenuto di grassi proteici (carne, uova, latte) e fibre (verdure, frutta) - aiutano ad aumentare i processi metabolici e riducono drasticamente i carboidrati in qualsiasi forma (rallentano lo scambio).
  • Il lavoro muscolare aiuta ad aumentare il metabolismo di base. L'energia viene consumata di più, il grasso viene immagazzinato meno o non viene affatto depositato.
  • In combinazione con una corretta alimentazione, l'aumento dello sforzo fisico provoca la scissione del tessuto adiposo. Lentamente e con riluttanza, ma il nostro "deposito" offre le sue preziose riserve per convertirle in energia.

Ricorda che né l'ipertensione né i livelli elevati di colesterolo e zucchero nel sangue, se il tuo peso e il girovita sono normali, non sono segni di sindrome metabolica. Nel caso dell'obesità addominale già esistente e di almeno due sintomi della sindrome metabolica da quelli sopra elencati, è meglio consultare un medico, perché il paziente spesso non è in grado di perdere peso e normalizzare ancora di più la pressione sanguigna e la pressione sanguigna.

Guarda il video: 5 abitudini che alterano il tutto della tiroide

Lascia Il Tuo Commento