Più lavori di casa - meno sesso. È così?

Uomini, se pensi che farai sesso con tua moglie più spesso, se prenderai parte alle sue faccende domestiche, allora ti sbagli. In uno dei nuovi studi vengono fatte solo le assunzioni opposte.

È stato osservato che gli uomini sposati che trascorrono più tempo in quella che è tradizionalmente considerata un'attività di una donna, ad esempio, comprano cibo, puliscono, cucinano e meno spesso fanno sesso rispetto agli uomini che preferiscono le occupazioni maschili tradizionali - giardinaggio o riparazione a domicilio.

Quando si tratta di compiti a casa, l'uguaglianza di genere non influisce sul desiderio sessuale di un uomo o una donna. Finché una donna è felice con il suo matrimonio (e se le faccende domestiche non sono un problema), allora l'aiuto di un uomo non influenza il sesso. Le donne nelle famiglie tradizionali sono più sessualmente soddisfatte.

Anche se le donne dicessero che vorrebbero che i loro mariti le aiutassero in casa, le buone intenzioni dei loro mariti possono portare ad essere percepite più come aiutanti domestiche, e non come oggetto del desiderio.

In uno studio pubblicato nel numero di febbraio della rivistaamericana sociologico recensioneSono state fornite informazioni su circa 4.500 coppie statunitensi che partecipano alla National Family and Household Survey.

I dati rappresentativi a livello nazionale raccolti tra il 1992 e il 1994 sono considerati la più recente indagine su larga scala, in cui è stato stabilito con quale frequenza le coppie fanno sesso. L'età media degli intervistati era di 46 anni per gli uomini e di 44 anni per le donne, tutte le coppie erano eterosessuali.

Le coppie trascorrevano circa 34 ore settimanali per mansioni tradizionalmente femminili, più altre 17 ore settimanali per le lezioni, che di solito sono considerate lavoro maschile. I mariti eseguivano circa un quinto delle cosiddette faccende domestiche "femminili" e poco più della metà dei compiti "maschili", nonostante il fatto che le donne aiutassero a svolgere mansioni "maschili" molto più spesso di quanto facessero gli uomini "femminili".

Tra gli altri fattori, i ricercatori hanno preso in considerazione la differenza tra felicità soggettivamente sentita nel matrimonio, il tempo durante il quale la coppia è stata sposata, la composizione familiare, il tempo trascorso da ciascun coniuge sul lavoro principale, il contributo della moglie al reddito familiare, l'istruzione e la valutazione della salute soggettiva.

Si è scoperto che uomini e donne fanno sesso in media cinque volte al mese. Le coppie in cui la moglie compie tutto il tradizionale lavoro "femminile", i mariti e le mogli fanno sesso al mese 1,6 volte di più di quelli in cui il marito svolge la maggior parte dei doveri "femminili".

Guarda il video: Carlo! Trailer Ufficiale - Carlo Verdone

Lascia Il Tuo Commento