Litotrissia dei calcoli renali: indicazioni, controindicazioni, metodi

La litotripsia è un metodo minimamente invasivo per il trattamento della urolitiasi, che consente di schiacciare e rimuovere le pietre dal tratto urinario, senza ricorrere alla chirurgia a cielo aperto. Al giorno d'oggi, la litotripsia a onde d'urto remota è ampiamente usata in urologia, la considereremo in modo più dettagliato.

Indicazioni e caratteristiche di utilizzo

L'indicazione per la litotrissia remota è la presenza di una pietra nei reni o nel tratto urinario in assenza di violazioni del deflusso di urina al di sotto della sua posizione. Le pietre con dimensioni fino a 20 mm sono considerate ottimali per la procedura.

La procedura di frantumazione può essere eseguita in più fasi, la cui necessità è determinata dal medico. In presenza di pietre più grandi, sono necessari stent aggiuntivi o una combinazione del metodo con altri tipi di trattamento. Nel caso delle pietre di corallo, la litotripsia viene eseguita gradualmente, la frantumazione inizia dalla periferia. La litotripsia a fasi viene anche utilizzata per più pietre nel tratto urinario, con una separazione pre-programmata della sessione in più parti.Negli intervalli tra le procedure è prescritto un trattamento conservativo attivo.

Dopo la litotripsia, si verifica il periodo più cruciale, su quali pazienti devono essere avvertiti in anticipo. La distruzione delle pietre porta allo scarico dei loro frammenti attraverso il tratto urinario. Ciò può contribuire alla rottura a breve termine del passaggio dell'urina e alla formazione di un "sentiero di pietra". In questo caso, il rene controlaterale prende il sopravvento sull'intero carico.

Se vi è una pietra nell'uretere, di solito si sviluppa colica renale o pielonefrite acuta ostruttiva, quindi il rene viene drenato per primo, il processo infiammatorio acuto viene interrotto e solo allora viene avviata la litotripsia.

L'efficacia della procedura è determinata da:

  • sufficiente formazione ed esperienza di uno specialista;
  • lo scopo corretto della litotripsia e l'osservanza delle regole per l'uso degli impulsi delle onde d'urto;
  • la struttura della pietra e la condizione dei reni;
  • la precisione dell'oggetto nella zona focale.

Controindicazioni

Il trattamento della litiasi con litotripsia può non essere possibile in tutti i pazienti, poiché vi sono controindicazioni:

  • l'impossibilità della completa rimozione del calcolo nel fuoco dell'onda d'urto dovuta al sovrappeso o alla deformazione dello scheletro;
  • la gravidanza;
  • patologia del sistema di coagulazione;
  • processi infiammatori attivi nelle vie urinarie;
  • restringimento degli ureteri sotto la posizione della pietra;
  • grave insufficienza renale;
  • gonfiore dei reni;
  • aneurisma dell'arteria aortica e renale;
  • malattie acute dell'apparato digerente;
  • patologia grave del sistema cardiovascolare.

Preparazione per la litotripsia

Per effettuare una litotripsia è necessaria un'attrezzatura piuttosto difficile.

Per prevenire complicazioni nella fase di pianificazione dell'intervento, il paziente è pronto per questa procedura. Include:

  • studio clinico completo;
  • confronto di indicazioni e controindicazioni;
  • igiene delle vie urinarie;
  • preparazione dell'intestino (la nutrizione dietetica, un clistere purificante alla vigilia e il giorno della schiacciatura sono prescritti per ridurre la flatulenza);
  • terapia infusionale;
  • atteggiamento mentale positivo.

La litotripsia, come qualsiasi altro intervento chirurgico, causa un complesso di forti reazioni allo stress in un paziente.Al fine di minimizzare questo effetto, vengono applicati vari metodi di anestesia controllata. Una delle sue opzioni può essere neuroleptanalgesia.

Immediatamente prima che la procedura venga eseguita:

  • familiarizzazione del paziente con l'installazione;
  • sedie da allenamento individuali;
  • trattamento della regione lombare con vaselina o glicerina;
  • corretta installazione e fissaggio del paziente sulla sedia dell'installazione con il collegamento di speciali sensori sincronizzati con la respirazione e il battito cardiaco.

Nel periodo postoperatorio, tali pazienti sono assegnati a:

  • aumento del regime di bere;
  • dieta;
  • sufficiente attività motoria;
  • terapia antibatterica;
  • medicina di erbe;
  • esposizione a fattori fisici (correnti diatermiche, laserterapia, vibroterapia, ecc.).

Fattori che influenzano il risultato

I risultati della litotrissia dipendono da vari fattori:

  • la dimensione della pietra (con l'aumentare della dimensione della pietra, l'efficacia della litotripsia diminuisce);
  • la sua posizione e forma;
  • composizione e struttura chimica;
  • il tempo di residenza del calcolo nelle vie urinarie;
  • condizione iniziale dei reni.

E quest'ultimo è molto importante, poiché i reni con una funzione ridotta non sono sempre in grado di espellere tutti i frammenti del calcolo.Spesso, il tessuto di un organo a causa di processi sclerotici ha una maggiore densità, e quindi è più suscettibile al danno da impulsi di onde d'urto.

È meglio lasciare i frammenti della pietra distrutta, situata nella pelvi renale o nella coppa superiore, peggio - nella coppa inferiore.

Se la pietra è nell'uretere per molto tempo, allora questo porta a cambiamenti infiammatori nella sua parete, che impedisce la frammentazione e l'eliminazione dei suoi frammenti. In tali casi, vi è la necessità di ulteriori interventi.


complicazioni

A causa della sua specificità, questa procedura colpisce non solo i calcoli renali, ma causa anche varie complicazioni e reazioni indesiderabili nel corpo. Questi includono:

  • disturbi del ritmo cardiaco e cambiamenti della pressione arteriosa che si verificano immediatamente durante l'intervento;
  • ematuria;
  • colica renale;
  • pielonefrite acuta o esacerbazione cronica;
  • ecchimosi;
  • sanguinamento gastrointestinale;
  • ipertensione arteriosa.

L'ematuria è rilevata in quasi tutti i pazienti, la sua gravità è insignificante. Di solito finisce in un giorno.

Nello sviluppo della pielonefrite, una lunga permanenza di una pietra nell'uretere e una violazione del passaggio dell'urina, così come la formazione di un "sentiero di pietra", che può causare l'ostruzione parziale o completa delle vie urinarie, gioca un ruolo importante.

Spesso, il processo infiammatorio nel cotile e nel sistema di placcatura del bacino si sviluppa dopo un precedente intervento chirurgico ai reni. Questa complicanza può finire con un processo patologico ancora più serio - l'urosepsis.

L'insorgenza di ematomi intra- o perirenali è associata all'effetto dannoso dell'onda d'urto sul tessuto renale.

Nella maggior parte dei pazienti, la colica renale è osservata nel periodo di scarico dei frammenti di pietra.

Quale dottore contattare

Per la litotrissia a onde d'urto a distanza, è necessario contattare il proprio urologo. Inoltre, potrebbe essere necessario consultare un cardiologo, nefrologo, terapeuta per escludere possibili controindicazioni.


conclusione

Nonostante i buoni risultati, questa tecnica non elimina la ricorrenza della formazione di calcoli, poiché non influenza la causa della malattia. Pertanto, nel periodo postoperatorio è importante condurre un'adeguata terapia conservativa e un follow-up.

Video utile sulla litotripsia:

Guarda il video: Calcoli renali: le nuove terapie

Lascia Il Tuo Commento