Condroma: caratteristiche del corso, moderni metodi di trattamento

Il condroma è un tumore benigno che inizia a crescere dalle cellule cartilaginee ialine. Consiste di cellule cartilaginose già mature, nella maggior parte dei casi clinici cresce lentamente e potrebbe non mostrare alcun sintomo per un lungo periodo di tempo. I primi segni della sua presenza sono solitamente causati dalla compressione delle strutture anatomiche adiacenti.

Perché sorgono i condromi? Come appaiono? Quali tipi di tali tumori esistono? Quali sono le conseguenze di condro? Come viene diagnosticata e curata questa malattia?

Specie di Chondro

A seconda di come si colloca il condroma in relazione all'osso, gli esperti distinguono i seguenti tipi di questi tumori:

  • esocondroma: inizia la sua crescita sulla parte esterna dell'osso e la sua crescita è diretta verso i tessuti molli;
  • endocondroma - cresce all'interno dell'osso e per questo lo deforma, facendo esplodere il tessuto osseo dall'interno.

I condromi si presentano solitamente sulle ossa metacarpali della mano, sulle falangi delle dita o sulle ossa metatarsali del piede. Possono essere localizzati sulle ossa tubolari: più spesso sul femore e meno spesso sull'omero o sugli stinchi.In casi clinici più rari, i condriomi vengono rilevati su ossa piatte, nei tessuti molli, nella cartilagine dei seni paranasali e della laringe.

  • Particolarmente pericolosi sono i condriomi, che si trovano nella zona della base del cranio, come con la posizione intracranica cominciano a esercitare una pressione sul tessuto cerebrale.
  • Se il condroma è localizzato nei seni paranasali, il paziente ha difficoltà a respirare.
  • Durante la formazione di un tale tumore sull'epifisi delle ossa tubulari, il paziente sviluppa sinovite.
  • In alcuni casi, i condromi diventano la causa del verificarsi di una frattura patologica.

Secondo le osservazioni degli specialisti, i condromi, che si trovano sullo sterno, sulle ossa pelviche e scapolari, sulle parti prossimali del femore e sull'omero, sono per lo più soggetti a malignità. Su ossa tubolari corte, tali tumori dell'ozono diventano molto rari e tali casi sono casuali.

diagnostica

Verificare la diagnosi aiuterà la biopsia della formazione del tumore.

Per la diagnosi di condroma, è necessario condurre una serie di studi che non solo rivelano questa neoplasia, ma anche chiariscono la sua posizione, le dimensioni, il grado di prevalenza e il danno ai tessuti circostanti.Tali tumori (ad eccezione dei condromi alla base del cranio) possono essere rilevati eseguendo una radiografia normale, ma per chiarire i dettagli del quadro clinico, al paziente vengono prescritti un numero di metodi aggiuntivi di esame.

Oltre alla radiografia, i seguenti tipi di studi possono essere inclusi nel piano di diagnosi del condroma:

  • biopsia di tessuti tumorali con successiva analisi istologica dei tessuti ottenuti;
  • TC e RM (con esochondroma);
  • TAC del cranio e risonanza magnetica cerebrale (con condromi nella regione della base del cranio).

Se necessario, chiarire lo stato di salute del paziente con condroma alla base del cranio, al paziente vengono prescritte ulteriori consultazioni da un neurologo o un neurochirurgo.

Quando i condromi sulle ossa tubolari del piede o della mano nelle immagini mostravano un'illuminazione omogenea, che può estendersi a tutto il diametro dell'osso. Nelle immagini a raggi X di tumori di lunghe ossa tubolari, la formazione sembra un'illuminazione a forma di nuvola, con una forma irregolare. In alcuni casi clinici, le ombre sono identificate su tali aree dell'istantanea - siti di calcificazione.A volte il condroma si presenta come una cisti ossea monocamerale, una neoplasia cistica a cellule giganti o un sito localizzato di displasia fibrosa. Ecco perché, al fine di escludere una diagnosi errata, i dati radiologici sono sempre supportati eseguendo una biopsia e un esame istologico dei campioni di tessuto tumorale ottenuto.

Nello studio dei tumori al microscopio, vengono determinati i seguenti segni di condroma tipico:

  • ialinosi tessuto cartilagineo sotto forma di lacuna, nella parte centrale della quale vi sono singole cellule separate da una sostanza edematosa, mixomatosa o normale;
  • fuochi di calcificazione nella sostanza intercellulare;
  • cellule fusiformi e stellate (con cambiamenti nella sostanza intercellulare);
  • nuclei di cellule di forma arrotondata;
  • ogni cellula di solito contiene un nucleo.

Durante la fase di malignità del condroma durante l'esame istologico, vengono svelati tali segni di degenerazione tumorale in un tumore maligno:

  • più grandi dimensioni dei nuclei delle cellule: diventano più rotondi, "grassottelli" o cambiano la loro forma abituale;
  • viene rilevato un numero maggiore di celle con due nuclei;
  • ci sono focolai di cellule cartilaginee invariate (nella fase iniziale della neoplasia).

trattamento

Il trattamento con condro può essere solo chirurgico. Il paziente è ospedalizzato in un ospedale specializzato - reparto dispensario oncologico. Il metodo e lo scopo dell'operazione sono determinati dal caso clinico - la posizione e il grado di prevalenza della neoplasia su strutture anatomiche localizzate in posizione ravvicinata.

Quando il condroma si trova su ossa tubolari corte, la formazione viene rimossa fino ai confini dei tessuti sani. Quando si presenta la necessità, il difetto osseo risultante viene sostituito dall'allotrapianto o dall'omotrapianto. I bambini devono installare una protesi speciale che può essere allungata man mano che crescono ogni 2-3 anni. Un trapianto osseo adulto è stato stabilito con successo per gli adulti e dopo 7 giorni il paziente può essere dimesso dall'ospedale e iniziare un programma di riabilitazione.

Se il tumore si trova sulle lunghe ossa tubolari, sternali, pelviche o scapolari, allora anche la sua rimozione viene effettuata radicalmente. Quando vengono applicate tali operazioni, vengono applicati i principi della rimozione del condrosarcoma, poiché è in queste aree che il rischio di malignità con i condromi è elevato.

Quando il condroma viene rilevato nell'area della base del cranio, le tecniche di intervento chirurgico vengono sviluppate individualmente da neurochirurghi per ciascun paziente, tenendo conto della salute generale del paziente, dei rischi di complicanze, delle dimensioni, della posizione e dell'estensione del tumore sui tessuti circostanti. In un certo numero di casi clinici, tali operazioni possono essere eseguite utilizzando tecniche minimamente invasive (utilizzando apparecchiature endoscopiche che vengono inserite attraverso i passaggi nasali). Se è impossibile eseguire tecniche così delicate, si esegue il trepanning del cranio per accedere alla neoplasia. Oltre alle tecniche chirurgiche per la rimozione dei condromi alla base del cranio, è possibile eseguire le operazioni radiochirurgiche.

In alcuni casi clinici, la radioterapia viene utilizzata per trattare i condromi alla base del cranio:

  • Di norma, l'irradiazione viene eseguita prima dell'intervento chirurgico e viene eseguita per ridurre le dimensioni della formazione. Successivamente, i corsi di irradiazione possono essere eseguiti anche nel periodo postoperatorio per rimuovere completamente le cellule anormali dal corpo e prevenire le ricadute del condroma.
  • A volte la radioterapia è il modo principale per affrontare i condromi della base del cranio. Tale tattica di trattamento viene scelta quando vi sono serie controindicazioni all'intervento chirurgico (ad esempio, in caso di gravi disturbi somatici o delle condizioni generali gravi del paziente).

In caso di malignità del condroma, al paziente vengono prescritti cicli di chemioterapia e radioterapia. Dopo il completamento, il paziente deve sottoporsi a un esame di screening ogni 4 anni ogni 4-6 mesi.


prospettiva

Con un trattamento tempestivo e appropriato, la prognosi della maggior parte dei condromi è favorevole. Tuttavia, il paziente deve ricordare che dopo la rimozione chirurgica di tali tumori esiste il rischio di recidiva del tumore. Tali casi di solito si verificano con la rimozione del condroma non radicalmente rimosso.

Quale dottore contattare

Se si verifica una protrusione o compattazione nell'area di ossa e dolore, contattare un ortopedico o un traumatologo. Dopo aver condotto una serie di studi (radiografie, TAC, risonanza magnetica, ecc.), Il medico riferirà il paziente a un oncologo per un ulteriore trattamento della neoplasia nel caso in cui il sospetto sviluppi il condroma.

Il condroma è un tumore benigno e le principali minacce dalla sua presenza sono che può provocare la compressione delle strutture anatomiche circostanti e può degenerare in un tumore maligno. Il trattamento di tali tumori nella maggior parte dei casi è chirurgico, ma in alcune situazioni è integrato da radiazioni o viene sostituito da tecniche radiochirurgiche. Dopo il completamento del trattamento con condroma, è possibile raccomandare la protesi del midollo osseo e il follow-up è sempre prescritto per rilevare tempestivamente la possibile recidiva della neoplasia.

Guarda il video: Definizione di condroma

Lascia Il Tuo Commento