Trattamento del pancreas a casa

Il pancreas appartiene direttamente a due sistemi del corpo. Da un lato, è la ghiandola digestiva, che produce enzimi che abbattono proteine, grassi e carboidrati nelle sue parti costituenti che possono essere assorbite nell'intestino. D'altra parte, nel suo tessuto sono le cosiddette isole di Langerhans, le cui cellule producono insulina, il che significa che il pancreas fa parte del sistema endocrino. Questo organo non appaiato, rigenera male e il trapianto di pancreas non è un'operazione ordinaria e costosa.

L'articolo proposto su come e in quali casi possono essere trattati per le malattie del pancreas a casa. Ti consigliamo inoltre di familiarizzare con l'articolo sui metodi per diagnosticare le malattie del pancreas, perché prima di "trattare" è necessario determinare per che cosa deve essere trattato.

Come si manifesta la pancreatite cronica?

Dolori addominali che circondano la natura della cintura, che si verificano dopo aver mangiato cibi grassi, alcol, accompagnati da vomito e diarrea, di solito indicano pancreatite.
  • Fase 1: dolore addominale senza segni di compromissione funzionale.Il dolore nella forma di una mezza cintura è considerato tipico: nell'ipocondrio sinistro, nell'ipocondrio destro e nell'ipocondrio, ma più a sinistra, o possono esserci guaine - dolore alla schiena, nella parte inferiore del torace, si unisce. Spesso si verificano o aumentano circa mezz'ora dopo aver mangiato.
  • Stadio 2: si unisce a esocrino (flatulenza, sgabello instabile, feci "grasse", contenuto di elastasi ridotto nelle feci in uno studio di laboratorio) o insufficienza endocrina (tolleranza al glucosio alterata, diabete mellito).
  • Fase 3: insufficienza endocrina ed esocrina. I dolori in questa fase sono meno intensi, raramente irradiati, non compaiono in mezz'ora, ma 2 ore dopo aver mangiato, perdono una certa localizzazione.
  • Stadio 4: marcata compromissione funzionale, quasi assenza di dolore.

La malattia procede con alternanza di esacerbazioni e periodi di remissione. Nella fase acuta, il dolore è grave, può essere accompagnato da nausea e vomito, dopo di che non diventa più facile, a volte c'è un piccolo ittero del transitorio. Funzionalità compromessa - diarrea, aumento della glicemia - anche nelle prime fasi può comparire solo durante l'esacerbazione.Leggi di più sui segni delle malattie del pancreas in questo articolo.

Cosa fare in remissione?

  1. È meglio escludere l'alcol, ma se le circostanze ti costringono, lascia che sia una bevanda americana, non una festa russa ("Morso, per favore: ecco il grasso, ecco la salsiccia!").
  2. Approccio ragionevole alla dieta. Certo, non mangerete polpette di carne a vapore per tutta la vita, ma dovreste seguire le regole elementari di una buona alimentazione. Ci sono porzioni regolari e piccole, eliminare gli snack, in particolare patatine e cioccolatini, assicurarsi che ci sia abbastanza proteine ​​nella dieta, ed è meglio stare lontano da carboidrati semplici come gustosi panini e caramelle.
  3. Evitare l'assunzione di farmaci senza alcuna ragione particolare. Ingerire Biseptolo o Tetraciclina al primo segnale di raffreddore è un'abitudine distruttiva!
  4. Affrontare il trattamento delle malattie di fondo: pianificare con il chirurgo un'operazione programmata per la pietra della cistifellea, trattare un'ulcera peptica secondo gli standard moderni, discutere con il gastroenterologo la possibilità di un trattamento antivirale attivo contro l'epatite, ecc.
  5. Se durante la remissione persistono segni di deficienza esogena (diarrea, feci "grasse",perdita di peso), prendendo preparazioni enzimatiche dovrà continuare per tutta la vita, attualmente, Creonte è riconosciuto come il migliore, pillole 25.000 EDU 3 volte al giorno con i pasti.
  6. Medicina di erbe, balneoterapia - perché no? Ecco una collezione classica:

Dill (semi) - 3 parti
Foglia di menta piperita - 3 parti
Frutto di biancospino - 2 parti
Fiori di elicriso - 2 parti
Fiori di camomilla farmaceutica - 1 parte
L'infusione richiede ½ tazza 3 volte al giorno per un'ora prima dei pasti.

La remissione di lunga durata, specialmente nella prima fase della malattia, è realizzabile. L'attitudine giusta, la volontà di sacrificare le cattive abitudini in favore di uno stile di vita sano ti permetterà di vivere senza esasperazioni per molti anni ed evitare l'inadeguatezza funzionale. Ma questo è ciò che vogliamo, giusto?

Quale dottore contattare

Quando l'esacerbazione della pancreatite dovrebbe consultare un medico generico o un gastroenterologo. In alcuni casi sarà necessaria un'ulteriore consultazione con epatologo, cardiologo, endocrinologo e reumatologo. in particolare la dieta con pancreatite è meglio discutere con un dietologo.

Guarda il video: Cancro del pancreas avanzato: quali sono i due standard di cura

Lascia Il Tuo Commento