Infezione da adenovirus nei bambini: sintomi e trattamento

Con l'inizio del raffreddamento autunnale, i bambini hanno molte più probabilità di soffrire di cosiddette malattie catarrali. Il medico fa una diagnosi: SARS. Le mamme sono sorprese: recentemente c'era ARVI, e di nuovo lei? Ma il fatto è che ci sono molti virus capaci di causare questa malattia, cioè ogni volta che il "colpevole" della malattia è un altro virus.

Una delle comuni malattie infantili delle infezioni virali respiratorie acute è un'infezione adenovirale, caratterizzata non solo da intossicazione, febbre, danni alle mucose dell'apparato respiratorio e degli occhi, ma anche da un coinvolgimento del sistema linfatico nel processo.

sintomi 

La malattia inizia acutamente con un aumento della temperatura corporea a numeri febbrili.

L'infezione da adenovirus può verificarsi in forma lieve, moderata e grave. 

La malattia inizia in modo acuto: la temperatura sale a numeri elevati, ci sono segni di infiammazione delle prime vie respiratorie, come mal di gola, dolore durante la deglutizione, congestione nasale. A causa della difficoltà di respirazione, il bambino non dorme bene, ha difficoltà a mangiare.

Ci sono manifestazioni moderatamente pronunciate di intossicazione: diminuzione dell'appetito, mal di testa e debolezza preoccupati, il bambino diventa pigro, capriccioso. Al culmine della febbre possono essere i crampi, soprattutto nei neonati dell'infanzia.

Scolo nasale abbondante. All'inizio sono trasparenti e diventano spessi, verdi. Il bambino è costretto a respirare attraverso la bocca, che provoca secchezza della bocca e crepe nelle labbra.

All'esame della gola, vi è arrossamento e gonfiore delle tonsille, archi palatina e parete posteriore faringea. Sulle tonsille sono visibili depositi purulenti di colore bianco sotto forma di punti, che possono essere facilmente rimossi con un batuffolo di cotone. Nella gola, sulla parete posteriore, il muco può scorrere.

Spesso c'è dolore all'addome, nausea, possibile vomito non frequente, gonfiore e feci molli. La sedia può aumentare fino a 5 p. al giorno, ma non ci sono impurità patologiche (muco, vegetazione, sangue) nelle feci. Più spesso, tali manifestazioni di infezione adenovirale si osservano nei bambini piccoli. Questi sintomi possono essere una manifestazione del processo infiammatorio nei linfonodi mesenterici (situati nella cavità addominale).

Fin dai primissimi giorni di malattia, il bambino è infastidito da una tosse secca e violenta. All'inizio della malattia, il medico può sentire rantoli secchi. Nei giorni successivi, la tosse diventa gradualmente umida, l'espettorato viene rilasciato.

La caratteristica dell'infezione da adenovirus è il danneggiamento degli occhi, che può verificarsi durante i diversi periodi della malattia e con gravità diversa. Molto spesso la congiuntivite si manifesta sin dai primi giorni della malattia, ma può manifestarsi per 3-5 giorni.

Inizialmente, la membrana mucosa di un occhio è interessata, ma il giorno successivo viene coinvolto anche il secondo occhio. L'ansia è dolore agli occhi, lacrimazione, soprattutto in piena luce. All'esame, gonfiore visibile delle palpebre, marcato rossore congiuntivale. La secrezione mucopurulenta dagli occhi è anche caratteristica. È staccabile e causa l'attaccamento delle ciglia in un bambino dopo il sonno.

Anche l'aspetto di un bambino con un'infezione da adenovirus è caratteristico: un viso pallido, un po 'gonfio con palpebre gonfie e abbondante scarico purulento dagli occhi e dal naso. Tipico di questa malattia è il danno ai linfonodi: aumentano di dimensioni, ma sono indolori e non saldati ai tessuti circostanti.

Nelle infezioni gravi, il fegato e la milza possono crescere.

Riassumendo la diversità dei sintomi clinici nell'infezione da adenovirus, ci sono 2 sindromi principali:

  • sindrome da disturbi respiratori, le cui manifestazioni sono simili ai sintomi delle infezioni virali respiratorie acute, ma hanno un decorso più grave e la possibilità di stratificazione di un'infezione batterica;
  • sindrome della febbre faringocongiuntivale, in cui la temperatura massima è elevata con brividi, e sviluppa contemporaneamente una lesione e faringe (faringite) e l'occhio (congiuntivite).

La durata della malattia nei bambini è per un corso semplice di 1 settimana. Con un decorso prolungato della malattia dura fino a 3 settimane. Inoltre, i fenomeni di congiuntivite di solito si attenuano prima e il processo infiammatorio nel rinofaringe con congestione nasale viene osservato entro 3 settimane.

diagnostica

Date le tipiche manifestazioni tipiche della malattia, la diagnosi viene generalmente stabilita clinicamente. Con un decorso atipico, l'infezione da adenovirus deve essere differenziata dalla mononucleosi infettiva. In questi casi vengono utilizzati metodi diagnostici di laboratorio: la rilevazione di anticorpi ad adenovirus nel siero.

Esiste anche un metodo di diagnosi virologica: la rilevazione del virus nel dilavamento dal nasofaringe. Ma questo metodo è lungo, non può aiutare con il trattamento. Un metodo più ampio è utilizzato nello sviluppo di un'epidemia per determinare il tipo di virus.

Non ci sono cambiamenti specifici nell'analisi clinica del sangue e delle urine.C'è una diminuzione del numero totale di leucociti e un aumento del numero di linfociti, come con altre infezioni virali. L'ESR potrebbe leggermente accelerare.

trattamento

Di solito il trattamento viene effettuato a casa. I bambini sono ricoverati in ospedale con forme gravi di infezione o con lo sviluppo di complicanze.

Non esiste un trattamento specifico. Anche i farmaci antivirali non hanno un effetto pronunciato. Pertanto, il trattamento è sintomatico:

  • i farmaci antipiretici sono usati solo a temperature superiori a 38,5 ° C e la tendenza del bambino a convulsioni: il paracetamolo, Nurofen può essere usato come indicato dal pediatra nella dose di età. Tuttavia, i farmaci dovrebbero essere somministrati solo quando la temperatura aumenta e non regolarmente (la temperatura stessa ha un effetto dannoso sul virus); puoi anche usare metodi fisici di raffreddamento (vestiti leggeri, freddo su grossi vasi, strofinare un bambino) e dare tè diaforetici;
  • una bevanda alcalina (Borjomi, latte caldo con soda) è raccomandata per la tosse secca. È impossibile usare farmaci che sopprimono la tosse!

Inalazione con acqua minerale salina o alcalina, con Lasolvan dà un buon effetto (è particolarmente conveniente effettuare inalazioni usando un nebulizzatore).

ACC, Bromhexin contribuisce alla diluizione dell'espettorato - ma la scelta del farmaco necessario deve essere fatta dal medico; con una tosse umida, puoi applicare Mukaltin, "Doctor Cough", "Ambroxol for Children", ecc.

  • A danno di occhi il loro lavaggio è raccomandato; per questo è possibile utilizzare tè debolmente fermentato, soluzione di furatsilina, soluzione debolmente rosa di permanganato di potassio, decotto di camomilla; per la palpebra inferiore, puoi mettere l'unguento di Oxolinic o seppellire l'Ophthalmoferon (i medicinali sono usati in entrambi gli occhi, anche se ne viene colpito uno solo).
  • Quando viene utilizzata la congestione nasale, viene lavata con acqua di mare, soluzione salina, inalazione con soluzione salina attraverso un catetere nasale. Come prescritto da un medico, vengono usate gocce di vasocostrittore (Nazivin, Vibracil, ecc.), Ma non più di 5 giorni. Puoi scavare barbabietole fresche e succhi di carota.
  • Per il risciacquo o irrigazione gola applicare soluzione di furatsilina, soluzione di bicarbonato di sodio al 2%, decotto di camomilla.
  • Gli antibiotici sono prescritti per prevenire infezioni batteriche in bambini debilitati, in presenza di focolai cronici di infezione o in caso di sviluppo di complicanze.
  • Come tonico significa complessi vitaminici prescritti, fianchi di brodo.
  • Per tutto il periodo di febbre, il riposo a letto e l'esclusione dello stress psico-emotivo sono assegnati al bambino; È altrettanto importante assicurare un adeguato consumo di bevande (composte, succhi, tè, bevande alla frutta, gelatina) e una buona alimentazione, ma non è possibile forzare l'alimentazione di un bambino. Si consiglia di dare il cibo in una forma calda e uniforme (con mal di gola).
  • Un ruolo importante è svolto dalla cura di un bambino malato: pulizia in acqua in una stanza di almeno 2 p. al giorno, in onda la stanza, luce fioca (con danni agli occhi). A temperatura normale e benessere soddisfacente, il paziente può essere lavato; permesso e camminare con lui.

prevenzione

La prevenzione dell'infezione da adenovirus non differisce da quella di altre infezioni virali respiratorie acute, in quanto non esiste una protezione specifica sotto forma di vaccinazione.

Misure preventive:

  • indurimento del bambino;
  • limitazione delle visite a eventi e luoghi con una folla di persone nel periodo di un aumento stagionale dell'incidenza;
  • nutrizione adeguata dei bambini e preferenza per l'allattamento al seno ai lattanti;
  • igiene personale del bambino;
  • rispetto delle norme sanitarie per la cura di strutture per bambini;
  • isolamento tempestivo dei malati;
  • esclusione del contatto del bambino con gli ammalati.

Riprendi per i genitori

L'infezione da adenovirus è una malattia virale diffusa. Le manifestazioni di infezione sono varie. La malattia può essere grave, specialmente nei bambini piccoli.

Nel periodo di manifestazioni acute della malattia dovrebbe consultare un medico e seguire chiaramente le sue raccomandazioni. Non auto-medicare in modo da non danneggiare il bambino.


Quale dottore contattare

L'infezione da adenovirus che si presenta in forma lieve viene trattata da un pediatra. In caso di malattia grave o sviluppo di complicanze, il bambino viene ricoverato in ospedale in un ospedale infetto. Lì, può essere esaminato da specialisti specializzati: un ENT, un oculista, un gastroenterologo, un neurologo, se ci sono indicazioni appropriate.

 

Guarda il video: faringite

Lascia Il Tuo Commento