Risonanza magnetica delle ghiandole surrenali: indicazioni, controindicazioni, metodi

Le ghiandole surrenali sono un organo appaiato situato sopra il polo superiore dei reni. Le loro cellule sintetizzano un numero di ormoni, essenziali per il nostro corpo. Fortunatamente, le malattie delle ghiandole surrenali sono piuttosto rare. Tuttavia, dopo essere apparso, la patologia di questo organo richiede una diagnosi immediata e una successiva terapia adeguata.

Per impostare la diagnosi corretta, l'endocrinologo indirizza il paziente a un numero di esami, compreso un esame del sangue per gli ormoni, l'ecografia degli organi retroperitoneali, la risonanza magnetica (MRI).

Uno dei metodi diagnostici più istruttivi è la risonanza magnetica, che spesso affronta il compito in cui altri studi sono stati impotenti. Riguarda la risonanza magnetica delle ghiandole surrenali - indicazioni e controindicazioni, metodi di conduzione, così come alcune altre importanti questioni riguardanti questo metodo, che saranno discusse nel nostro articolo.

tipi

Esistono 2 tipi di imaging a risonanza magnetica delle ghiandole surrenali: nativo (cioè senza l'uso del contrasto) e con miglioramento del contrasto.

Determinare il confine esatto tra lo strato corticale e il midollo della ghiandola surrenale utilizzando la risonanza magnetica nativa non è sempre possibile, quindi, nei casidove questo momento è molto importante per fare la diagnosi corretta, al paziente viene mostrato uno studio usando il contrasto.

Come tale, non vengono usate sostanze contenenti iodio utilizzate nella conduzione di CT, ma speciali soluzioni paramagnetiche (gadolinio, magnesia e altre). Il vantaggio di questi farmaci è una minore allergenicità rispetto a quelli contenenti iodio.

La risonanza magnetica con contrasto consente anche di distinguere una neoplasia maligna da una benigna. La sua struttura, di regola, non è uniforme, i suoi confini sono indistinti, sfocati e la superficie può essere irregolare. Inoltre, i tumori maligni sono spesso abbastanza grandi.

Il contrasto viene somministrato per via endovenosa immediatamente prima della procedura diagnostica.

Controindicazioni

Non applicare questo metodo di ricerca nelle seguenti situazioni:

  • un pacemaker è impiantato nel paziente;
  • ci sono alcuni oggetti metallici nel suo corpo (stent, clip, schegge, ecc.);
  • È noto che il paziente è allergico a un agente di contrasto (nel caso sia indicata la risonanza magnetica con aumento del contrasto).

Queste controindicazioni sono assolute, cioè un paziente che le ha, in nessun caso deve essere eseguita una risonanza magnetica.

Ci sono anche controindicazioni relative.Queste sono condizioni che possono causare alcune difficoltà e complicazioni durante una risonanza magnetica delle ghiandole surrenali. Tuttavia, in alcuni casi, è più importante stabilire la diagnosi utilizzando questo metodo diagnostico, e il medico lo prescrive comunque al paziente, tenendo conto e tenendo conto delle possibili reazioni indesiderabili. Quindi, le relative controindicazioni sono le seguenti:

  • paura dello spazio limitato (o claustrofobia); poiché molti modelli di tomografi sono chiusi, si può sviluppare un attacco di panico nel processo di diagnosi di un tale paziente; al fine di prevenirlo, prima di una seduta, una persona viene offerta di assumere un farmaco sedativo o viene eseguita con un tomografo di tipo aperto;
  • epilessia (uno studio può scatenare lo sviluppo di un altro attacco convulsivo);
  • i primi 2 trimestri di gravidanza (in questa fase si svolge il principale sviluppo e sviluppo di tutti gli organi e sistemi del feto, dal momento che non sono stati effettuati studi sugli effetti del campo magnetico sul feto, si raccomanda di astenersi dall'eseguire la RM surrenale in donne in gravidanza; questa categoria di pazienti, pur non registrando almeno 1 caso di conseguenze negative per il feto);
  • l'incapacità del paziente di mantenere l'immobilità durante lo studio (l'immobilità è uno dei fattori più importanti che influenzano la qualità e l'affidabilità dello studio, alcuni pazienti non possono controllare i loro movimenti a causa di patologie concomitanti, questo si applica anche ai bambini in età prescolare e talvolta elementare; questi pazienti hanno bisogno di risonanza magnetica, si esegue in anestesia generale (anestesia));
  • condizione generale estremamente seria del paziente;
  • peso corporeo del paziente superiore a 120 kg (alcuni dispositivi non sono progettati per un carico così elevato).

Preparazione della RM

Questo metodo diagnostico non richiede una preparazione speciale per questo. Se al paziente viene prescritta una procedura con miglioramento del contrasto, dovrebbe essere effettuata a stomaco vuoto per evitare l'aspirazione di vomito in caso di complicanze, oltre a ridurre il rischio di nausea e vomito come effetti collaterali dell'agente di contrasto. Inoltre, alla vigilia dello studio, dovrebbe escludere dalla dieta alimenti che aumentano la formazione di gas nello stomaco e nell'intestino (bevande gassate, cavoli, legumi e altri). Un eccesso di gas distorce l'immagine ottenuta dalla tomografia e quindi riduce il suo contenuto informativo.

Ovviamente, se una risonanza magnetica deve essere eseguita con urgenza, allora la domanda di prepararla scomparirà da sola.


Metodologia di ricerca

Prima di entrare nella stanza con il tomografo, il paziente rimuove tutti gli oggetti che contengono metallo (orecchini, catene, anelli, piercing, vestiti con bottoni metallici, bottoni, gemelli) e lascia anche l'orologio e le chiavi all'esterno. Ciò è dovuto al fatto che il metallo distorce il campo magnetico emesso dal tomografo, che si riflette nei risultati dello studio.

Quindi il paziente viene posto sul tomografo del trasportatore da tavolo in una posizione sul retro. Allo stesso tempo, l'assistente medico inietta un agente di contrasto nella sua vena, dopodiché il processo diagnostico inizia immediatamente.

Un tavolo con un paziente su di esso entra nel tunnel, dove avviene la scansione diretta, fermandosi al livello dei reni e delle ghiandole surrenali. La scansione viene eseguita su due piani: trasversale e frontale. Lo spessore ottimale della fetta è 5 mm. Per ottenere immagini della massima qualità, il paziente deve rimanere immobile e sincronizzare il respiro con l'acquisizione di immagini.

Durante la procedura, la persona si trova in ufficio con un tomografo da solo (se lo studio viene eseguito da un bambino, allora uno dei parenti rimane con lui,che lascia anche tutti gli oggetti metallici dietro la porta), tuttavia ha l'opportunità di comunicare con il radiologo, che si trova nella stanza accanto dietro il monitor del computer, a mani libere. In media, la durata della procedura va da mezz'ora a 45 minuti.

Sensazioni del paziente con risonanza magnetica e effetti collaterali

Nella stragrande maggioranza dei casi, il soggetto non sente nuove e spiacevoli sensazioni nel processo di diagnosi. Sente un colpo ritmico che accompagna l'operazione della macchina di risonanza magnetica. Se necessario, il paziente comunica con il medico.

Alle persone a cui viene iniettato un agente di contrasto, prestare attenzione al disagio durante il processo di iniezione. Possono anche avere nausea e / o vomito.

I singoli pazienti sviluppano reazioni allergiche al contrasto - dal prurito isolato della pelle allo shock anafilattico. Lieve allergia può anche andare senza farmaci, e quelli gravi richiedono cure mediche di emergenza. Fortunatamente, le allergie ai contrasti paramagnetici sono molto meno comuni di quelle che contengono iodio.


Risonanza magnetica delle ghiandole surrenali: risultati di decodifica

Una ghiandola surrenale normale e sana in un'immagine RM può essere abbastanza diversa: lineare, a forma di V, a forma di Y o addirittura triangolare. Le sue dimensioni variano in limiti piuttosto ampi. Il maggior valore nella diagnosi ha una valutazione del loro spessore (il suo valore massimo è 10 mm) e lo spessore delle gambe (la norma è fino a 5 mm). La struttura della ghiandola surrenale è omogenea, è chiaramente visibile sullo sfondo del tessuto adiposo sottocutaneo.

corticosteroma

La risonanza magnetica rileva questo tumore nel 100% dei casi. Corticosteroidi maligni, di regola, sono caratterizzati da grandi dimensioni, struttura eterogenea con la presenza di un gran numero di cavità cistiche.

aldosteronoma

Questo tumore è di piccole dimensioni e struttura uniforme. Alla t1 e t2- Le immagini ponderate determinano l'iso-intensità (ovvero la sua luminosità è la stessa dei tessuti circostanti). Due su tre pazienti mostrano adenoma solitario (cioè un tumore) e un paziente su tre presenta un'iperplasia nodulare diffusa della ghiandola surrenale (cioè un gran numero di piccoli tumori si localizzano in esso).

feocromocitoma

Questo tumore è caratterizzato da un segnale iperintenso (cioè, sul tomogramma sembra più luminoso del tessuto che lo circonda) su T2ponderate. Un tumore maligno è di solito di grandi dimensioni.

C'è un'alternativa alla risonanza magnetica?

La risonanza magnetica non è un metodo indispensabile per diagnosticare le malattie delle ghiandole surrenali. Non è in alcun modo inferiore alla tomografia computerizzata a raggi X. Questo metodo di ricerca talvolta supera anche la risonanza magnetica, poiché i moderni scanner TC hanno ampie possibilità di ricreare sezioni in piani diversi.

Inoltre, se è impossibile eseguire una risonanza magnetica o in situazioni diagnostiche difficili, si può consigliare al paziente di sottoporsi a scintigrafia surrenalica.

conclusione

L'imaging a risonanza magnetica delle ghiandole surrenali è uno dei metodi altamente informativi per diagnosticare molti processi patologici in questo organo: determinare il fatto della loro presenza, localizzazione, struttura, chiarezza dei contorni e relazioni con i tessuti circostanti.

Praticamente nessuna controindicazione, può essere usata nei bambini, negli adulti e nei pazienti anziani.Non richiede una preparazione seria per lo studio e rimane in ospedale dopo l'esame - il paziente può immediatamente tornare a casa e fare cose interessanti per lui.

Reazioni avverse e complicanze si verificano raramente e, di regola, scompaiono da soli o dopo l'assunzione di medicinali standard.

Se non è possibile eseguire una risonanza magnetica, un'alternativa a questo metodo diagnostico è la tomografia computerizzata a raggi X o la scintigrafia surrenalica.

Quale dottore contattare

Al fine di sottoporsi a una risonanza magnetica delle ghiandole surrenali, è richiesto un referral da un endocrinologo, indicando la diagnosi prevista e lo scopo dello studio. L'interpretazione dei risultati della risonanza magnetica è effettuata da un medico di radiologia. In questo caso, l'esperienza e le qualifiche del medico sono importanti. Pertanto, è auspicabile effettuare ricerche nei centri diagnostici con attrezzature moderne e personale ben addestrato.

Guarda il video: LA SCLEROTERAPIA, metodi, effetti collaterali e medicazioni

Lascia Il Tuo Commento