Gozzo eutiroideo diffuso: cause, sintomi e trattamento

Il gozzo diffuso eutiroideo (altrimenti non tossico) è una malattia caratterizzata da un diffuso allargamento della ghiandola tiroidea senza segni di alterazione della funzione. L'aumento può essere determinato dalla palpazione (palpazione) della superficie anteriore del collo, e può essere visto e solo "ad occhio". La metà dei casi sono bambini e giovani di età inferiore ai 20 anni. Le donne soffrono più degli uomini (2-3: 1, rispettivamente). Spesso questa patologia viene diagnosticata nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento. Sul perché si verifichi gozzo non tossico diffuso, sui sintomi, caratteristiche diagnostiche e principi di trattamento di questa condizione che leggerete nel nostro articolo.

tipi

A seconda dei fattori che hanno provocato lo sviluppo della malattia, vengono isolati gozzo eutiroideo diffuso sporadico ed endemico. La prima forma è dovuta a difetti negli enzimi responsabili della sintesi di tiroxina e triiodotironina e il livello di iodio in questo caso non ha importanza. I casi di questa patologia sono rari, cioè in una certa regione, pochissime persone ne soffrono. Un gozzo endemico si verifica proprio a causa della carenza di iodio nell'ambiente e, di conseguenza, negli organismi di persone che vivono in una determinata area. I casi di questa patologia sono molteplici in una particolare regione.

A seconda del grado di ingrossamento della tiroide, ci sono 3 gradi di gozzo:

  • 0 - la ghiandola tiroidea non è ingrandita, non è visibile visivamente, non c'è gozzo;
  • I - l'ingrandimento della ghiandola tiroidea è determinato rilevandolo, ma nella posizione normale del collo, i nodi che non influenzano le dimensioni della ghiandola tiroidea non sono rilevati visivamente o dalla palpazione;
  • II - l'allargamento della tiroide è visivamente notevole nella normale posizione del collo.

Principi di diagnosi

Nella diagnosi di gozzo eutiroideo diffuso, ciascuno dei suoi quattro stadi è importante: i reclami dei pazienti e i dati dell'anamnesi, la valutazione dello stato obiettivo e la diagnostica di laboratorio e strumentale. Soffermiamoci su ciascuno di essi.

Reclami e anamnesi

In questa fase, il medico scopre dal paziente che tipo di sintomi spiacevoli lo infastidiscono e li associa a una o più patologie tiroidee. Nel caso della malattia descritta da noi, il paziente ha un minimo di lamentele o sono completamente assenti.

Dai dati della storia, la regione di residenza del paziente è importante (ci sono prove che questa o quella regione sia endemica per questa malattia o meno, cioè c'è carenza di iodio in essa o la quantità di oligoelementi nell'ambiente è sufficiente). Se esiste carenza di iodio, è probabile una diagnosi di gozzo eutiroideo.

Altrettanto importanti sono i dati sulle cattive abitudini del paziente (in particolare la sua dipendenza dalla nicotina) e il numero di gravidanze (come è noto, il corpo della donna incinta ha un maggiore bisogno di iodio rispetto al di fuori della gravidanza).

Valutazione dello stato obiettivo

Alla palpazione, e in alcuni casi, il medico determina anche visivamente la dimensione della ghiandola tiroidea o la presenza di strutture nodulari nei suoi tessuti. Se vengono rilevati tali cambiamenti, il medico consiglia di sottoporsi a un'ecografia.

Test di laboratorio

Il più grande interesse diagnostico è la concentrazione nel sangue dell'ormone stimolante la tiroide della ghiandola pituitaria, il TSH abbreviato. Inoltre, il paziente può essere assegnato all'analisi del livello di tiroxina, triiodotironina e proteina tireoglobulina in esso.

Nell'eutiroidismo, il contenuto di ormoni tiroidei e TSH, di norma, rientra nei limiti normali e il livello di tireoglobulina, se esiste una carenza di iodio, può essere aumentato.


Diagnostica strumentale

Il primo è un ultrasuono della ghiandola tiroidea. Questo metodo di ricerca consente di stimare la dimensione di un organo, la sua forma, la sua struttura, i rapporti con gli organi adiacenti del collo,rilevare e caratterizzare i noduli, se presenti.

Ai fini della diagnosi del gozzo retinico, viene eseguita la scintigrafia della ghiandola.

Con un grande gozzo, radiografia con esofago a contrasto viene mostrata al paziente. Il metodo consente di rilevare la compressione di questo organo da una tiroide ingrandita.

Principi di trattamento

A seconda della situazione clinica, al paziente possono essere prescritti farmaci o trattamenti chirurgici.

La terapia farmacologica include:

  • preparazioni di iodio (per compensare la loro carenza);
  • levotiroxina di sodio (per controllare il livello di TSH ad un certo livello).

Nella fase iniziale della terapia, di norma, i preparati di iodio vengono utilizzati in una dose di 100-200 mcg al giorno. Ciò porta presto a una diminuzione dell'attività delle cellule tiroidee e alla normalizzazione delle loro dimensioni. Questi farmaci sono sicuri, non richiedono un'attenta selezione della dose e il trattamento di controllo da frequenti esami del sangue.

Il levotiroxina di sodio viene in genere assunto in una dose di 100-150 mg. Dopo la sospensione di questo farmaco, vi è un'alta probabilità di recidiva della malattia e lo sviluppo di tireotossicosi farmaco-indotta.Inoltre, è necessario il controllo del livello degli ormoni stimolanti la tiroide e del TSH nel sangue.

Spesso questi 2 farmaci sono usati in combinazione. I vantaggi di questo regime di trattamento: ripristino rapido delle dimensioni normali della ghiandola tiroidea e riduzione del rischio di recidiva del gozzo.

Nei pazienti anziani con goosterio di grado I, sono preferite le tattiche di osservazione attiva con determinazione periodica del livello di ormone stimolante la tiroide nel sangue e un'ecografia.

In gravidanza, i farmaci di scelta sono i preparati di iodio.

L'intervento chirurgico è prescritto a pazienti con grandi dimensioni del gozzo, la presenza di sintomi di spremitura degli organi vicini.


conclusione

Gozzo eutiroideo diffuso - una malattia della ghiandola tiroidea, comune nelle regioni con bassi livelli di iodio nell'ambiente. Un aumento della ghiandola tiroidea in questo caso è una reazione compensatoria che assicura la normale concentrazione di tiroxina e triiodotironina nel sangue.

Spesso, è asintomatico, meno spesso manifestato solo da un difetto estetico, quando la ghiandola tiroidea diventa visibile ad occhio nudo. Notevolmente aumentato di dimensioni, può spremere gli organi circostanti, che si manifesta con difficoltà nella respirazione e nella deglutizione del cibo.

I principali nella diagnosi sono la palpazione della tiroide, l'ecografia di questo organo e la determinazione del livello di TSH e degli ormoni tiroidei nel sangue.

Nel trattamento, l'importanza principale appartiene ai preparati di iodio, meno frequentemente viene usato il levotiroxina e nei casi più gravi, l'intervento di un chirurgo è indicato per i pazienti.

Per prevenire lo sviluppo del gozzo eutiroideo, le persone che vivono in zone endemiche per questa malattia dovrebbero mangiare sale iodato e altri prodotti contenenti questo oligoelemento. In media, per i bambini da 0 a 5 anni, il fabbisogno giornaliero di iodio è di 90 mcg, da 6 a 12 anni - 120 mcg, oltre 12 anni e adulti - 150 mcg, e per le donne durante la gravidanza e l'allattamento - 250 mcg. Le persone appartenenti a gruppi a rischio (stessa gravidanza, allattamento e persone sottoposte a intervento chirurgico sulla ghiandola tiroidea) sono raccomandate per assumere preparazioni di iodio a scopo preventivo, ma dopo aver determinato lo iodio quotidiano - la quantità di iodio escreta con le urine al giorno. Se questo indicatore rientra nei limiti dei valori normali, non è richiesta l'assunzione aggiuntiva di preparazioni di iodio.

Quale dottore contattare

Con un aumento del volume del collo, difficoltà di deglutizione o respirazione ancora più disturbata, è necessario consultare un medico generico.Sarà in grado di rilevare un ingrossamento della ghiandola tiroidea e indirizzare il paziente a un endocrinologo. Se il livello degli ormoni nel sangue è vicino alla norma, il trattamento dipende dal grado di aumento della ghiandola.

Guarda il video: Gozzo - Cause, Sintomi, Diagnosi, Cure

Lascia Il Tuo Commento