Test per la tolleranza al glucosio durante la gravidanza: perché viene eseguito, che mostra

Qualsiasi gravidanza è accompagnata da cambiamenti nei processi del metabolismo dei carboidrati, il più significativo dei quali è la diminuzione della sensibilità del tessuto all'insulina - resistenza all'insulina. Il corpo di una donna sana riesce a far fronte a questi cambiamenti, per mantenere il livello di glucosio nel sangue nell'intervallo di valori normali. Se una donna ha alcuni fattori di rischio, l'insulino-resistenza aumenta significativamente, si sviluppa la carenza di insulina, che causa un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue.

L'iperglicemia nelle donne in gravidanza, che è apparsa per la prima volta durante questo periodo della loro vita, viene definita diabete gestazionale. Di norma, non è accompagnato da alcun sintomo esterno, ma può causare molti problemi sia alla madre che al feto. Per non perdere questa condizione, i medici raccomandano di passare un'analisi speciale alle donne all'inizio del terzo trimestre di gravidanza - il test di tolleranza al glucosio (test di tolleranza al glucosio orale, GTT). Si tratta di questo metodo di ricerca e sarà discusso nel nostro articolo.

Algoritmo per la diagnosi del metabolismo dei carboidrati durante la gravidanza

Quando una donna viene registrata per la gravidanza, il ginecologo le assegna un esame completo, compreso un esame del sangue per lo zucchero (glucosio).

Questo studio si svolge a stomaco vuoto (durante le 8 ore precedenti una donna non dovrebbe mangiare, l'acqua è permesso bere quanto vuoi). Di norma, il tecnico di laboratorio valuta la concentrazione di glucosio nel sangue venoso. Per una donna incinta, il valore di questo indicatore è inferiore a 5,1 mmol / l. Se il livello di zucchero nel plasma venoso a stomaco vuoto è superiore a 5,1 mmol / l, alla donna viene diagnosticato un diabete gestazionale. Naturalmente, questo è vero, se prima della gravidanza la donna non avesse avuto problemi con il metabolismo dei carboidrati, i valori di zucchero nel sangue erano nel range di normalità.

Nel caso in cui lo studio primario determini la concentrazione di zucchero nel sangue superiore a 7,8 mmol / l, ciò indica diabete mellito manifest (cioè, esisteva, probabilmente, prima della gravidanza, ma prima diagnosticato in questo periodo).

Le donne a cui non è stato diagnosticato il metabolismo dei carboidrati nelle prime fasi della gravidanza, dovrebbero ricevere un test di tolleranza al glucosio orale nel periodo di 24-28 settimane (ma non oltre il 32).In alcuni casi, può essere raccomandato a una donna immediatamente al momento della registrazione.


Devo prepararmi per lo studio

Entro 3 giorni prima dello studio pianificato di una donna incinta, è necessario seguire una dieta normale. Non è possibile limitare i carboidrati, ma distorcerà i risultati e il diabete, anche se lo è, non verrà rilevato. Ovviamente, non è consigliabile utilizzare solo i panini: la quantità raccomandata di carboidrati al giorno è di 150-200 g.

Dovresti anche osservare un regime di bere adeguato (limitare il corpo all'acqua è proibito) ed escludere un intenso sforzo fisico.

Vale la pena ricordare che fumare e bere alcolici durante il giorno prima dello studio è anche impossibile? Dopo tutto, incinta e quindi è assolutamente controindicato! Sfortunatamente, non tutte le donne aderiscono alle raccomandazioni del medico, quindi concentriamo la vostra attenzione sul fatto che per ottenere risultati affidabili di GTT, è necessario rinunciare a cattive abitudini almeno 24 ore prima.

Alcuni farmaci (integratori di ferro, vitamine, ormoni, beta-bloccanti e altri) possono influenzare i livelli di zucchero nel sangue.Una donna dovrebbe dire al medico quali farmaci sta assumendo. Egli consiglierà di prendere una pausa durante il trattamento o di tenerne conto quando interpreta i risultati dell'analisi che nel corpo del paziente c'è qualche farmaco. Non autorizzato, senza la conoscenza di uno specialista, non è necessario interrompere l'assunzione del farmaco prescritto da lui.

Metodologia di ricerca

Comprende 3 fasi:

  1. Alle 8-10 del mattino l'assistente di laboratorio preleva una certa quantità di sangue venoso dal paziente e determina la concentrazione di glucosio in esso (a stomaco vuoto). Se è inferiore a 5,1 mmol / l, il test è continuato, se è superiore a questo livello viene fatta una diagnosi di diabete gestazionale o diagnosticato di recente e il test viene interrotto. Nei casi in cui, per qualsiasi motivo, non sia possibile determinare immediatamente la concentrazione di zucchero, lo studio continua, portando alla fine.
  2. La donna beve la soluzione di glucosio per 5 minuti (75 mg di glucosio secco più 200-250 ml di acqua calda pura). Non tutta questa bevanda è piacevole, perché ha un sapore zuccherino molto dolce. Non dovresti berla tutto d'un fiato, bastano pochi sorsi al minuto. Dopo aver preso la soluzione di glucosio, la donna incinta rileverà per 2 ore, durante le quali dovrebbe sedersi o (ancora meglio!) Sdraiarsi.
  3. Dopo due ore, il tecnico riprende il sangue da una vena e determina la concentrazione di glucosio in essa. A volte lo studio viene eseguito dopo 1 e 2 ore dopo il caricamento del glucosio. Se la diagnosi può essere fatta sulla base dei risultati di un esame del sangue effettuato un'ora dopo, il test è completato.

Il segno di verifica del diabete mellito gestazionale è il livello di glucosio 2 ore dopo un carico di 7,8 mmol / l.

Cioè, il test di tolleranza al glucosio mostra come il corpo di una donna incinta affronta un compito così difficile come l'assunzione di glucosio. Aiuta a rilevare i disordini metabolici nascosti dei carboidrati, quelli che sembrano essere asintomatici, ma allo stesso tempo danneggiare sia la donna che il feto.

Il test di tolleranza al glucosio è pericoloso per una donna incinta?

75 g di glucosio anidro è piuttosto un po '. Danneggiare una donna questa quantità di zucchero, ovviamente, non può portare. Pertanto, questa è una ricerca assolutamente sicura, sicuramente non porterà al diabete mellito! Allo stesso tempo, GTT è un test estremamente importante, le cui conseguenze possono essere rifiutate sono gravi complicazioni sia nella madre che nel feto.

In alcune situazioni cliniche, la sua conservazione non è raccomandata a causa dell'informatività. Le controindicazioni sono:

  • tossicosi precoce (preeclampsia) delle donne in gravidanza - nausea, vomito;
  • natura infettiva acuta o non infettiva di malattie infiammatorie;
  • pancreatite cronica nella fase acuta;
  • sindrome da dumping (evacuazione accelerata del cibo dal moncone dello stomaco all'intestino dopo la resezione dello stomaco, accompagnata da una violazione del metabolismo dei carboidrati);
  • resto del letto rigoroso della donna.

Quale dottore contattare

Il test di tolleranza al glucosio è prescritto da un ginecologo che sta osservando una gravidanza. Se vengono rilevate violazioni del metabolismo dei carboidrati, il paziente viene inviato per consultazione all'endocrinologo.

conclusione

Il test di tolleranza al glucosio orale è un metodo diagnostico che consente di rilevare le violazioni del metabolismo dei carboidrati nel corpo di una donna incinta, per valutare l'adeguatezza dell'assorbimento del glucosio. Portalo a tutte le donne incinte nel periodo di 24-28 settimane, e in alcuni casi anche prima - nel primo trimestre. L'essenza dello studio risiede nel fatto che una donna passa un esame del sangue per lo zucchero a stomaco vuoto, quindi beve una soluzione di glucosio e dopo 2 ore viene nuovamente somministrato del sangue.Sulla base dei risultati della dinamica della concentrazione di glucosio, il medico determina che il paziente è in buona salute, o la diagnosi della sua gestazione (che si è verificata durante la gravidanza) o il diabete manifesto.

Se si riscontra ancora il diabete gestazionale, una donna viene sottoposta a controllo medico, le viene prescritta, prima di tutto, una dieta e un'attività fisica moderata (almeno 20 minuti tre volte alla settimana). Con l'inefficacia delle misure di cui sopra, il paziente è raccomandato terapia insulinica. Agenti ipoglicemici orali per questa patologia non si applicano.

1.5-2 mesi dopo il parto, il paziente viene riesaminato. In caso di glicemia normale, i sondaggi vengono ripetuti ogni anno e, una volta rilevata la tolleranza al glucosio ridotta, trimestralmente.

Un approccio adeguato alla diagnosi del diabete mellito gestazionale e, se necessario, al suo trattamento, riduce significativamente la probabilità di complicanze durante la gravidanza e l'insorgenza del diabete mellito in futuro.

Guarda il video: Gravidanza: secondo trimestre (curva glicemica, urinocoltura, morfologica)

Lascia Il Tuo Commento